“Era ora, mi aveva stufato”, ha detto orgoglioso ai carabinieri quando venerdì sera sono andati a prenderlo a casa. E ha consegnato loro la bottiglia di acido muriatico che aveva svuotato addosso alla vicina perché infastidito dai suoi cani. Non è pentito né preoccupato dalle conseguenze del suo gesto il 65enne di Buccinasco, alle porte di Milano, che ha bussato alla porta della 79enne e le ha tirato addosso l’acido muriatico domestico.

Sembra che le tensioni e le liti tra lui e l’anziana che abitava al piano di sopra andassero avanti da anni, soprattutto per colpa dei peli dei due cani della donna, sistematicamente gettati, a suo dire, al piano di sotto. L’aggressore, disoccupato, divorziato e con precedenti per sequestro di persona, rapina e spaccio, tutti risalenti a più di 30 anni fa, è stato portato questa mattina al carcere di San Vittore.

Ai carabinieri ha raccontato delle sue frequenti rimostranze nei confronti della vicina, culminate anche in un esposto contro di lei, mai arrivato a giudizio. Negli anni, però, il comportamento della donna non sarebbe mai cambiato, portando il 65enne all’esasperazione. La 79enne, ricoverata all’ospedale San Paolo di Milano, non perderà la vista né è stata sfigurata dall’acido, ma ha riportato danni alla cornea guaribili in dieci giorni. Provvidenziali, per lei, sono stati i risciacqui immediati del 118. Anche i due cani stanno bene e non hanno riportato ferite.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pasqua, dagli ovetti ai caricabatterie, maxisequestro della Guardia di Finanza a Roma: “9 milioni di articoli pericolosi”

prev
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, raccolta firme per ottenere il risarcimento della Tari: “Paghiamo ma non abbiamo il servizio”

next