Lega al 32,1%, Movimento 5 Stelle al 22,6% e Partito Democratico al 21,8%. Se si votasse oggi, queste sarebbero le scelte di voto degli italiani, secondo il sondaggio di EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, su Rai Tre. Sia Lega che M5S sono in leggero aumento rispetto a una settimana fa, il primo dello 0,7%, il secondo dello 0,3%. Per quanto riguarda le altre forze politiche, Forza Italia si attesta al 9,5% e Fratelli d’Italia al 4,9%. Più Europa arriverebbe al 2,9%, La Sinistra al 2,9%.

Anche le proiezioni per il Parlamento europeo fatte dall’istituto Kantar Public, confermano in parte la stessa fotografia. La Lega resta la prima delegazione italiana, e la seconda dell’intero Parlamento Europeo dopo la Cdu-Csu tedesca, con 26 seggi, stabile rispetto a fine marzo. Ma il partito di Salvini perde 0,8 punti rispetto all’ultima rilevazione. Guadagna terreno il Movimento Cinque Stelle, da 17 a 18 seggi, mentre cala il Pd, da 17 a 16 seggi. Il calcolo è basato su sondaggi nazionali sull’attribuzione dei seggi nelle prossime elezioni europee, le ultime ad essere pubblicate prima del voto.

Va tenuto presente che il Movimento Cinque Stelle aveva portato a Bruxelles nel 2014 17 deputati: ora sono 11, perché tre sono usciti sia dal M5S che dal gruppo (Marco Zanni è andato nell’Enf, Marco Affronte nei Verdi e David Borrelli nei Non Iscritti) e altri tre sono usciti dal M5S ma restano nello gruppo parlamentare (Daniela Aiuto, Giulia Moi e Marco Valli). Secondo le nuove proiezioni, resterebbe assente da ben tre gruppi parlamentari: Verdi/Ale, la sinistra della Gue/Ngl e i liberaldemocratici dell’Alde.

Confrontando gli ultimi dati con i seggi attualmente in mano alle diverse forze del parlamento europeo, si nota il calo delle principali partiti pro Europa: i Popolari scendono al 24% (in decremento di 5 punti, perdono seggi soprattutto in Francia, Italia, Spagna e Germania), i socialisti e democratici al 19,8% (sempre in calo di 5 punti: scendono in Italia, Germania e Francia). In salita invece i Verdi, al 7,6% con un incremento dello 0,7% (i maggiori aumenti in Germania e Regno Unito). Leggero aumento per i liberali di Alde al 10,1% (+1,1 punti).

Tornando all’Italia, secondo sondaggio EMG Acqua, il 43% degli elettori dà un giudizio positivo sul Governo, in crescita di un punto rispetto alla settimana scorsa. Negativo invece il giudizio per il 33% dell’elettorato. In particolare il giudizio positivo sale al 91% fra gli elettori del Movimento Cinque Stelle e al 75% fra quelli della Lega. Consenso anche dal 53% degli elettori di Forza Italia. Inoltre, dalla rilevazione emerge che la maggior parte degli italiani, il 70%, rinuncerebbe al reddito di cittadinanza in cambio di un abbassamento delle tasse. In particolare questa percentuale sale all’86% tra gli elettori della Lega e al 94% tra quelli del Pd. Solo il 50% degli elettori del M5S rinuncerebbe al reddito di cittadinanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Otto e Mezzo, Montanari: “Il Pd Perderà finché copierà la destra. Minniti come Salvini”. Moretti: “Estremista”

prev
Articolo Successivo

Pd, Cacciari: “Calenda non vuole confronto con M5S? Di sicuro non lo voterò”. “Umbria? Problema non sono i corrotti”

next