Dopo quasi trent’anni di ricerca, l’azienda statunitense Boston Dynamics è pronta per mettere in vendita i suoi robot. Il primo sarà SpotMini, un cane robot che pesa 30 chili, ha un’autonomia di circa 90 minuti e sarà disponibile a partire da fine anno. Rispetto a quando fu mostrato il prototipo ci sono stati sostanziali passi avanti: i movimenti ora sono fluidi e realistici, e la dotazione di sensori, telecamere e Intelligenza Artificiale gli permettono di “comprendere” l’ambiente in cui si muove e interagire di conseguenza.

Non sono ancora chiare tutte le applicazioni in cui SpotMini si potrà rendere utile. Un’idea precisa su una potenziale applicazione pratica è contenuta nell’ultimo video pubblicato: il soccorso stradale.

 

Come una muta di cani da slitta, 10 SpotMini trainano un camion spento, lungo uno strada che è persino in leggera pendenza. Vederli fa impressione, ascoltarli ancora di più: per chiarirvi le idee vi basta alzare un po’ il volume. Pensare che Boston Dynamics descrive SpotMini come il robot più silenzioso tra quelli che produce. Chissà quanto chiasso emette il gigante Atlas!

Battute a parte, in video precedenti l’azienda aveva mostrato SpotMini mentre sbrigava faccende domestiche come caricare la lavastoviglie e buttare via la spazzatura. La versione con il braccio robotico incorporato è anche in grado di aprire le porte abbassando le maniglie.

 

Probabilmente il prezzo e tutte le potenziali situazioni in cui il cane robot potrebbe rendersi utile saranno svelate quando arriverà in vendita. Quel che è certo è che questo simpatico robot non è più un prototipo, e la produzione è ormai arrivata a un ritmo elevato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sparco, l’impegno nel mondo del gaming dell’azienda piemontese tra accessori e corse virtuali

prev
Articolo Successivo

Apple e Qualcomm si accordano sulla 5G, Intel si chiama fuori

next