Solo un microfono e tante cose da dire: il politicamente scorretto torna su Comedy Central, l’ultimo baluardo di comicità davvero libera in Italia. Da questa sera, lunedì 15 aprile, alle ore 22, il canale 128 di Sky tornerà a ospitare in prima assoluta Stand Up Comedy ovvero lo show di satira che nel corso della sua storia ha lanciato dei veri numeri uno della risata come Saverio Raimondo e Giorgio Montanini. Stand Up Comedy, lo si evince sin da titolo, è una produzione dedicata ai migliori stand up comedians italiani e ai nuovi talenti della satira, scoperti attraverso un attento lavoro di scouting.

Sono ventinove, tutti rigorosamente under 40, i talenti protagonisti di questa sesta stagione. Qualche nome? Da Michela Giraud, recentemente protagonista anche de La Tv Delle Ragazze e Mai Dire Talk, a Velia Valli, graffiante panelist al talk di Rai2 Sbandati. C’è anche Mirko Darar, già definito “il monologhista gay più irriverente e originale degli ultimi tempi” dopo la sua partecipazione a Italia’s Got Talent. Ma non mancheranno neppure i tanti volti nuovi che, seppure già molto attivi in teatro o nei club, sono alla prima apparizione televisiva. I loro nomi? Gabriele Antinori, Chiara Becchimanzi, Sandro Canori, Martina Catuzzi, Alessandro Ciacci, Giuseppe Ciuffreda, Edoardo Confuorto, Carmine Del Grosso, Daniele Fabbri, Tommaso Faoro, Giordano Folla, Laura Formenti, Francesco Frascà, Daniele Gattano, Francesco Giorda, Stefano Gorno, Tiziano La Bella, Giorgio Magri, Francesco Mileto, Renato Minutolo, Emanuele Pantano, Valeria Pusceddu, Mario Raz, Eleazaro Rossi, Andrea Saleri e David Shushan. La politica, la società, il lavoro e addirittura l’amore, da questa sera, saranno affrontati da loro senza peli sulla lingua sul canale di Viacom Italia. Diciotto gli appuntamenti previsti, fino all’ultima risata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amber Heard rivela: “Ho pensato che Johnny Depp mi uccidesse, era un mostro”

prev
Articolo Successivo

Jessica Mazzoli: “Morgan mi ha tradito con una fan pazza mentre ero incinta”

next