Un’altra pietra miliare nell’interpretazione del personaggio è quella offerta dal compianto Heath Ledger sotto la direzione artistica di Christopher Nolan ne Il Cavaliere Oscuro (2008). La lezione espressionista dell’Uomo-che-ride e tutta la tesi proposta da Moore in The Killing Joke vengono mescolate e calate nell’atmosfera più concreta di una società corrotta e verosimile, in cui si scontrano le necessità fisiologiche di ordine (Batman) e caos (Joker) in una data comunità, in questo caso quella di Gotham. A ogni azione corrisponde una reazione, e il Joker non è altro che la reazione della società al tentativo “innaturale” di Batman di ripulirla dal caos che ne scompiglia le maglie. Questa versione del personaggio non è più un principe clown del crimine ma un narratore inaffidabile con una precisa agenda nichilista: “sono un agente del caos, e sai una cosa a proposito del caos? È equo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La caduta dell’impero americano, Denys Arcand ci ricorda che siamo pazzi. E che il denaro ci distrugge

prev
Articolo Successivo

Sull’orlo dell’abisso, il documentario su Steve Bannon ci dice che incitare all’odio non è una buona strategia

next