Un’altra pietra miliare nell’interpretazione del personaggio è quella offerta dal compianto Heath Ledger sotto la direzione artistica di Christopher Nolan ne Il Cavaliere Oscuro (2008). La lezione espressionista dell’Uomo-che-ride e tutta la tesi proposta da Moore in The Killing Joke vengono mescolate e calate nell’atmosfera più concreta di una società corrotta e verosimile, in cui si scontrano le necessità fisiologiche di ordine (Batman) e caos (Joker) in una data comunità, in questo caso quella di Gotham. A ogni azione corrisponde una reazione, e il Joker non è altro che la reazione della società al tentativo “innaturale” di Batman di ripulirla dal caos che ne scompiglia le maglie. Questa versione del personaggio non è più un principe clown del crimine ma un narratore inaffidabile con una precisa agenda nichilista: “sono un agente del caos, e sai una cosa a proposito del caos? È equo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La caduta dell’impero americano, Denys Arcand ci ricorda che siamo pazzi. E che il denaro ci distrugge

next
Articolo Successivo

Sull’orlo dell’abisso, il documentario su Steve Bannon ci dice che incitare all’odio non è una buona strategia

next