Nonostante la profondità dell’ispirazione che lo ha generato, per una trentina d’anni il Joker è stato prevalentemente il più pittoresco tra i (tanti) nemici di Batman, un burlone teatrale e dalle mille risorse ma dalle motivazioni criminali tendenzialmente ristrette, sia nel fumetto che nella sua prima rappresentazione live action, quella della serie televisiva del 1966-68 in cui fu interpretato da Cesar Romero. La ripetitività della proposta narrativa porta addirittura il personaggio a scomparire per qualche anno dalle serie a fumetti, per farvi ritorno nel 1973 grazie all’autore Dennis O’Neil, al quale si deve la sua prima vera evoluzione narrativa: con O’Neil il Joker si consacra quale principe clown del crimine, uccide col sorriso e si disfa del bottino, una scheggia impazzita votata al male, che sarà la base per la magistrale interpretazione vocale di Mark Hamill nella serie animata degli anni 90, ma soprattutto per quella, in carne e ossa e indimenticabile, di Jack Nicholson nel film di Tim Burton (1989). Quel Joker non a caso diceva di sé stesso: “Sono il primo artista dell’omicidio a ciclo completo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La caduta dell’impero americano, Denys Arcand ci ricorda che siamo pazzi. E che il denaro ci distrugge

next
Articolo Successivo

Sull’orlo dell’abisso, il documentario su Steve Bannon ci dice che incitare all’odio non è una buona strategia

next