Dalla sua prima apparizione nel primo numero della serie a fumetti Batman (1940), il personaggio noto come Joker, l’inquietante antagonista del Cavaliere Oscuro, è assurto allo status di icona pop anche grazie alle decine di interpretazioni che di lui sono state date nei successivi 80 anni, da quelle di carta a quelle in carne e ossa, passando per quelle animate. Nonostante queste stesse apparizioni non siano sempre stati conformi l’una all’altra, la consistenza del personaggio non si è mai sfilacciata, arricchendosi di nuove sfumature ma rimanendo sempre sorprendentemente coerente. In autunno uscirà una nuova rivisitazione del personaggio, interpretato da Joaquin Phoenix e diretto da Todd Phillips, il cui primo trailer è online da qualche giorno.

Giacché l’attesa sarà lunga, vale la pena ripercorrere a ritroso cinque punti fondamentali che hanno reso il Joker il villain iconico che è oggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La caduta dell’impero americano, Denys Arcand ci ricorda che siamo pazzi. E che il denaro ci distrugge

next
Articolo Successivo

Sull’orlo dell’abisso, il documentario su Steve Bannon ci dice che incitare all’odio non è una buona strategia

next