Dopo l’ennesimo viaggio, i carabinieri hanno aspettato che rimpatriasse dalla Francia. E quando hanno avuto la certezza che la preside di una scuola di Imperia ancora una volta aveva usato l’auto di servizio dell’istituto, una Toyota Corolla, l’hanno arrestata. L’accusa è peculato. L’inchiesta è iniziata il mese scorso, dopo una segnalazione interna all’istituto, l’Ipsia Marconi, un istituto professionale. Secondo gli elementi raccolti con appostamenti e intercettazioni telefoniche ed ambientali, coordinate dal procuratore aggiunto di Imperia Grazia Pradella, da tempo la dirigente scolastica (Anna Rita Zappulla il suo nome, 62 anni, originaria di Marsala) utilizzava l’auto di servizio della scuola per i suoi spostamenti personali, non solo fuori città, ma anche fuori regione e oltre confine. L’ultima volta ieri: i militari dell’Arma hanno atteso che rimpatriasse dalla Francia (era andata a Mentone con la famiglia) e le hanno chiesto spiegazioni che lei non ha saputo dare.

Quando è stata fermata a Ventimiglia la preside ai carabinieri ha risposto: “Io sono un dirigente, posso autogestirmi“. Ora si trova nel penitenziario di Pontedecimo, a Genova.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Umbria, posti per figli e nipoti. “Pilotati pure i concorsi per categorie protette: ecco i beneficiari delle raccomandazioni”

prev
Articolo Successivo

Falso complotto anti-Descalzi, l’audit: “Da Eni 11 milioni di euro all’avvocato Amara. Difetti di tracciabilità delle parcelle”

next