Dopo l’ennesimo viaggio, i carabinieri hanno aspettato che rimpatriasse dalla Francia. E quando hanno avuto la certezza che la preside di una scuola di Imperia ancora una volta aveva usato l’auto di servizio dell’istituto, una Toyota Corolla, l’hanno arrestata. L’accusa è peculato. L’inchiesta è iniziata il mese scorso, dopo una segnalazione interna all’istituto, l’Ipsia Marconi, un istituto professionale. Secondo gli elementi raccolti con appostamenti e intercettazioni telefoniche ed ambientali, coordinate dal procuratore aggiunto di Imperia Grazia Pradella, da tempo la dirigente scolastica (Anna Rita Zappulla il suo nome, 62 anni, originaria di Marsala) utilizzava l’auto di servizio della scuola per i suoi spostamenti personali, non solo fuori città, ma anche fuori regione e oltre confine. L’ultima volta ieri: i militari dell’Arma hanno atteso che rimpatriasse dalla Francia (era andata a Mentone con la famiglia) e le hanno chiesto spiegazioni che lei non ha saputo dare.

Quando è stata fermata a Ventimiglia la preside ai carabinieri ha risposto: “Io sono un dirigente, posso autogestirmi“. Ora si trova nel penitenziario di Pontedecimo, a Genova.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Umbria, posti per figli e nipoti. “Pilotati pure i concorsi per categorie protette: ecco i beneficiari delle raccomandazioni”

next
Articolo Successivo

Falso complotto anti-Descalzi, l’audit: “Da Eni 11 milioni di euro all’avvocato Amara. Difetti di tracciabilità delle parcelle”

next