Da oggi, sabato 13 aprile, è partita l’avventura di EcofuturoTv, una trasmissione in otto puntate, per parlare di ecologia, ambiente e della salute del nostro pianeta. “Chi dice che per il Pianeta e per gli umani riconvertire l’economia lineare dello spreco all’economia circolare è un solo un costo, afferma una cosa inesatta e fa proprio il punto di vista dei petrolieri, dei cementificatori, dei produttori di usa e getta e di molti altri che hanno prosperato nell’economia dell’eccesso e dello sfruttamento. Noi di Ecofuturo vi dimostreremo -nelle otto puntate- che per tutti gli altri, ovvero per il 99% della popolazione, passare all’era delle rinnovabili, del riuso, del rispetto per l’ecosistema è un guadagno. E non indifferente – spiegano -. Si guadagna in libertà perché l’energia rinnovabile è democratica e non sarà più appannaggio di pochi potentati. Il fotovoltaico, per esempio, con gli accumuli, è l’energia meno costosa che si possa avere, meno cara persino di quella ottenuta dall’inquinante carbone. E ci si guadagna anche in stile di vita. Già perché utilizzando le ecotecnologie si vive in equilibrio con i ritmi naturali, riscoprendo piaceri nuovi senza negarsi quelli a cui siamo affezionati, ma non consumando solo per buttare, cibandosi in eccesso di alimenti poco sani, diventando, magari, obesi o allergici”.

Le otto puntate televisive –in onda ogni sabato dal 13 aprile nelle tv private italiane e dal 20 aprile sulle tv estere, con replica di domenica- ci accompagneranno alla sesta edizione di Ecofuturo Festival che si terrà sempre a Padova nella cornice del Fenice Green Energy Park a Padova dal 25 al 29 giugno 2019 e all’uscita della rivista “L’Ecofuturo Magazine”, da maggio 2019 in edicola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lupo, Viminale scrive a Trento, Bolzano e Valle d’Aosta: “C’è allarme, in assenza di altre soluzioni valutare l’abbattimento”

prev
Articolo Successivo

Fridays for Future, la prima assemblea in Italia: smartphone e borracce al posto di giornali e plastica. “Ci stiamo svegliando”

next