Che i reali non possano scambiarsi effusioni in pubblico è risaputo: già tenersi per mano nelle foto è un grande strappo al protocollo, perfino per le coppie sposate. Quel che è meno noto invece è che all’interno del palazzo ci si chiami solo con i nomi propri: niente “amore” e “tesoro”, ma nemmeno i diminutivi. Solo i commoner chiamano la Duchessa di Cambridge “Kate”, in famiglia è Catherine. Per George, Charlotte e Louis è “mummy”: suonerà puerile, ma i genitori di sangue blu sono “mummy” and “daddy”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Al Maurizio Costanzo Show il trio Paolo Bonolis, Carlo Conti e Gerry Scotti fa il pieno di ascolti: “Avrebbe dovuto esserci anche Frizzi”

prev
Articolo Successivo

Games of Thrones, i creatori della serie svelano: “Il finale è nascosto in una playlist di Spotify”

next