C’è un modo giusto per bere il tè (ma non chiamatelo così)

Suona così british organizzare un tè alle cinque, ma in realtà è un’espressione (e un’usanza) della working-class, che chiamava così il pasto della sera. C’è un modo giusto per bere una tazza di tè, cioè tenendo il manico tra pollice e indice, con il medio sotto per tenere la tazza ben ferma. Con l’altra mano si tiene il piattino, dove andrà appoggiata la tazza tra un sorso e l’altro e il manico si tiene sempre a destra, puntando immaginariamente le tre sull’orologio. Le donne poi fanno attenzione a  sorseggiare sempre dallo stesso punto, per non sporcare troppo il bordo di rossetto. Ma questo, cara Betty, lo fa ogni ragazza di questo mondo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Al Maurizio Costanzo Show il trio Paolo Bonolis, Carlo Conti e Gerry Scotti fa il pieno di ascolti: “Avrebbe dovuto esserci anche Frizzi”

prev
Articolo Successivo

Games of Thrones, i creatori della serie svelano: “Il finale è nascosto in una playlist di Spotify”

next