Il Meazza-San Siro è il secondo stadio italiano ad aver ospitato più partite della nazionale. Ha un punto di contatto con la storia del calcio italiano, e non solo quello milanese, che lo rende a tutti gli effetti rappresentativo della nostra cultura calcistica all’estero.

È l’idea più convincente e coerente a uno dei suoi soprannomi preferiti: il Tempio del calcio. Una sorta di mega espansione del Museo del Calcio di Coverciano, una tappa fissa per ogni turista e appassionato di calcio.

L’ipotesi di trasformare San Siro nel museo del calcio italiano, ne preserverebbe lo status di simbolo della città di Milano e del calcio, oltre ad avvalersi così di diverse fonti di monetizzazione e business.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dwyane Wade, si ritira la star che ha fatto grande Miami. Dal quartieraccio di Chicago ai due titoli Nba: la sua storia

prev
Articolo Successivo

Milan-Lazio 1 a 0, Gattuso: “Con la maglia di Acerbi sotto la curva? Chiedere scusa. Meno social più allenamenti”

next