Botta e risposta in diretta a DiMartedì (su La7) tra la giornalista Concita De Gregorio e il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli, sulla vicenda dell’ex sindaco di Roma Ignazio Marino. La giornalista chiede a Toninelli se si sente di dover delle scuse a Marino dopo l’assoluzione della Cassazione. “Cosa le devo dire? Prima della responsabilità penale viene la responsabilità morale. Poi mi piacerebbe leggere la sentenza prima di commentarla”. A quel punto la cronista fa notare che la Cassazione dà un giudizio di legittimità, non entra nel merito (la Cassazione ha annullato la decisione della sentenza di appello che condannava Marino a due anni di reclusione per peculato e falso). “Sinceramente non seguo tutto l’iter giudiziario di Marino” conclude Toninelli

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Def, Boccia a Borghi: “Pieno di promesse negate, persino Machiavelli impallidirebbe”. “Sono previsioni, da sempre”

next
Articolo Successivo

La7, lite Barisoni (Radio24) – Travaglio. “Hai sempre la verità rivelata”. “Sei nervoso, è difficile difendere Confindustria”

next