Una pratica sessuale estrema e finita male oppure un atto violento deliberato o al culmine di un litigio? Sono le due ipotesi sulla morte di Anna Florence Reed, 22enne inglese, trovata morta in un albergo di Muralto, nel distretto di Locarno, in Svizzera. Il corpo è stato trovato senza vita nella vasca da bagno di una stanza dell’hotel Palma au lac, al quinto piano. Le autorità svizzere hanno fermato il fidanzato di Anna Florence, un 29enne tedesco, ma abitante nel Canton Zurigo: si trova ora nel carcere di Lugano. La tesi del gioco sessuale sfuggito di mano è finita tra le ipotesi perché è la linea difensiva del ragazzo. Ma è considerata fragile dalle fonti giudiziarie: alcuni clienti del “Palma au lac”, come spiega il Giornale del Ticino, hanno testimoniato di urla e rumori provenienti dalla camera della coppia, forse per un litigio. Tutto è finito – secondo questa ricostruzione – dopo un intervento del personale dell’albergo.

La cosa sicura, emersa dai primi dati dell’autopsia, è che Anna Florence Reed è morta per soffocamento. Dall’esame dell’anatomopatologo sono emerse anche varie microlesioni. La procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis sta procedendo comunque per omicidio intenzionale o in subordine colposo.

Sui profili social della ragazza si vedono molte foto della coppia in luoghi di lusso e viaggi esotici.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bimbo ucciso a Cardito, arrestata anche la madre. Il padre accusato pure del tentato omicidio della sorella

prev
Articolo Successivo

Milano, agguato in centro. Due uomini in scooter affiancano un’auto e sparano a un 46enne: è ferito gravemente

next