“Lavorare con lentezza? Un film (di Guido Chiesa ndr) con una rappresentazione del ’77 un po’ troppo fashion”. Renato De Maria, nelle sale italiane in questi giorni con Lo Spietato (e dal 19 aprile su Netflix), rievoca il ’77 bolognese che lo vide protagonista sia con il suo primo film Il Trasloco e poi con Paz!, il film su Andrea Pazienza. “A un 18enne di oggi come spiegheresti il ’77?”, ha domandato il giornalista Davide Turrini. “Il ’77 è la fine del ‘900 – ha risposto De Maria – con il ’77 è morto l’ideale di una società di miglioramento progressivo, è finito il mito della rivoluzione e della ribellione giovanile. (…) Io avevo 18 anni, pensavo fosse l’inizio di qualcosa meraviglioso, una rivolta politica ma soprattutto culturale. C’era fiducia nell’arrivo della tecnologia che invece ci ha fottuto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renato De Maria e la storia d’amore con Isabella Ferrari: “La corteggiavano tutti e per me non c’era partita. Fu lei a conquistarmi chiedendomi: ‘Cosa c’ho io che non va?’”

next
Articolo Successivo

Il Campione, il film con Stefano Accorsi arriva nelle sale: ottimo esempio di cinema “medio” (che convince)

next