“Lavorare con lentezza? Un film (di Guido Chiesa ndr) con una rappresentazione del ’77 un po’ troppo fashion”. Renato De Maria, nelle sale italiane in questi giorni con Lo Spietato (e dal 19 aprile su Netflix), rievoca il ’77 bolognese che lo vide protagonista sia con il suo primo film Il Trasloco e poi con Paz!, il film su Andrea Pazienza. “A un 18enne di oggi come spiegheresti il ’77?”, ha domandato il giornalista Davide Turrini. “Il ’77 è la fine del ‘900 – ha risposto De Maria – con il ’77 è morto l’ideale di una società di miglioramento progressivo, è finito il mito della rivoluzione e della ribellione giovanile. (…) Io avevo 18 anni, pensavo fosse l’inizio di qualcosa meraviglioso, una rivolta politica ma soprattutto culturale. C’era fiducia nell’arrivo della tecnologia che invece ci ha fottuto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renato De Maria e la storia d’amore con Isabella Ferrari: “La corteggiavano tutti e per me non c’era partita. Fu lei a conquistarmi chiedendomi: ‘Cosa c’ho io che non va?’”

prev
Articolo Successivo

Il Campione, il film con Stefano Accorsi arriva nelle sale: ottimo esempio di cinema “medio” (che convince)

next