Al cinema e su Netflix con il suo nuovo film, Lo Spietato, il regista Renato De Maria, ospite del fattoquotidiano.it, ricorda la nascita della relazione sentimentale con Isabella Ferrari, poi diventata sua moglie. Alla domanda del giornalista del Fatto.it “l’hai conquistata tu Isabella o è stata lei a provarci?”, De Maria è rimasto per diversi secondi in silenzio e ha poi affermato: “È stata più lei. Per un motivo semplice. Aveva 30 anni era bellissima, famosissima, inseguita da industriali, miliardari con la Ferrari che volevano regalarle il mondo, o attori e registi internazionali innamorati. Noi avevamo capito di avere un certo feeling però io stavo molto arretrato. Mi chiedevo: dove vado? Ero un gatto randagio a Trastevere, cambiavo casa ogni tre mesi, non mangiavo mai, ero disoccupato, nessuno mi faceva fare un altro film dopo Hotel Paura. Quindi non c’era partita. Non ci ho provato nemmeno. È stata lei allora ad avvicinarmi e dirmi: “Cosa c’ho io che non va?”; e io: “Nulla”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renato De Maria in sala e su Netflix con Lo Spietato: “Il cinema come è stato vissuto nel ‘900 è morto”

prev
Articolo Successivo

Renato De Maria (regista di Paz!) presenta il suo poliziottesco Lo Spietato: “Con il ’77 è finito il mito della ribellione giovanile”.

next