Al cinema e su Netflix con il suo nuovo film, Lo Spietato, il regista Renato De Maria, ospite del fattoquotidiano.it, ricorda la nascita della relazione sentimentale con Isabella Ferrari, poi diventata sua moglie. Alla domanda del giornalista del Fatto.it “l’hai conquistata tu Isabella o è stata lei a provarci?”, De Maria è rimasto per diversi secondi in silenzio e ha poi affermato: “È stata più lei. Per un motivo semplice. Aveva 30 anni era bellissima, famosissima, inseguita da industriali, miliardari con la Ferrari che volevano regalarle il mondo, o attori e registi internazionali innamorati. Noi avevamo capito di avere un certo feeling però io stavo molto arretrato. Mi chiedevo: dove vado? Ero un gatto randagio a Trastevere, cambiavo casa ogni tre mesi, non mangiavo mai, ero disoccupato, nessuno mi faceva fare un altro film dopo Hotel Paura. Quindi non c’era partita. Non ci ho provato nemmeno. È stata lei allora ad avvicinarmi e dirmi: “Cosa c’ho io che non va?”; e io: “Nulla”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Renato De Maria (regista di Paz!) presenta il suo poliziottesco Lo Spietato: “Con il ’77 è finito il mito della ribellione giovanile”.

next