Il Parlamento algerino ha indicato il capo del Consiglio della Nazione, Abdelkader Bensalah, come capo di Stato ad interim per 90 giorni fino alle elezioni dopo le dimissioni di Abdelaziz Bouteflika. La sua nomina ha scatenato l’immediata protesta degli studenti, scesi in piazza per chiedere la “fine del regime”. La rivolta è stata repressa dalla polizia in assetto antisommossa: gli agenti hanno sparato gas lacrimogeni ad Algeri e usato cannoni ad acqua per disperdere le manifestazioni nei pressi del tunnel di accesso all’Ateneo della capitale. 

La Costituzione algerina prevede che sia il presidente del Consiglio della nazione algerina (l’equivalente del Senato) a prendere il posto di Bouteflika, che il 2 aprile ha rassegnato le sue dimissioni. Seconda carica dello Stato dopo il presidente della Repubblica, Bensalah resterà in carica come presidente ad interim per un massimo di 90 giorni, ovvero fino a nuove elezioni. Presidente del Senato algerino dal 2002, Bensalah, 77 anni, è da oltre vent’anni parte integrante del regime ed è stato tra i sostenitori della candidatura di Bouteflika a un quinto mandato.

È un esponente del Raggruppamento nazionale democratico (Rnd), il partito algerino dell’ex primo ministro Ahmed Ouyahia e principale alleato del Fronte di liberazione nazionale. Negli Anni Novanta è stato prima presidente del Consiglio nazionale di transizione, poi presidente del Congresso nazionale popolare dal 1997 al 2002. Quindi è diventato capo del Senato, con un mandato fino al 2021.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, media: “Haftar ha compiuto un raid contro l’aereoporto internazionale di Tripoli”. Telefonata tra Conte e Al Sarraj

prev
Articolo Successivo

Elezioni Israele, in sei milioni alle urne Sfida Netanyahu-Gantz ma all’orizzonte c’è anche la grande coalizione – Scenari

next