Luca Zaia (Veneto), Massimilano Fedriga (Friuli Venezia-Giulia), Attilio Fontana (Lombardia). Sono loro i governatori regionali più graditi ai cittadini secondo l’annuale sondaggio commissionato dal Sole 24 Ore Noto Sondaggi. I primi tre classificati sono tutti leghisti e sono seguiti da altri due governatori di centrodestra: Marco Marsilio (Fratelli d’Italia, Abruzzo) e Christian Solinas (Partito sardo d’azione, Sardegna), vicini al 50% di gradimento. Proprio sul gradimento occorre però fornire qualche spiegazione: i sondaggisti hanno chiesto ai mille intervistati se rivoterebbero il presidente in caso di nuove elezioni. Quindi non vengono considerati i potenziali candidati alternativi e neanche la possibilità o meno di una nuova candidatura. Candidatura che tra l’altro è esclusa proprio per il più gradito: il governatore del Veneto.

Sei governatori dem tra gli otto meno graditi
Sempre guardando al sondaggio, il centrosinistra è in difficoltà: tra gli otto governatori meno graditi ci sono ben sei esponenti del Partito Democratico. Tra questi i più noti – in ordine decrescente per gradimento – sono Michele Emiliano (Puglia), Mario Oliverio (Calabria) che registra una perdita di consenso record del 23,3% legata all’inchiesta che gli ha imposto l’obbligo di dimora per tre mesi a San Giovanni in Fiore – misura poi annullata in Cassazione – e Vincenzo De Luca (Campania). Maglia nera invece per Sebastiano Musumeci (Sicilia) del centrodestra, ma anche l’ex presidente Rosario Crocetta (Pd) era in fondo alla graduatoria. Situazione critica a sinistra anche per quanto riguarda il consenso elettorale rispetto alle precedenti regionali. Oltre al crollo del governatore calabrese, i risultati più negativi sono per Catiuscia Marini (Umbria, meno 9,4%) e Michele Emiliano in calo dell’ 8,9%.

Solo due governatori hanno il consenso della maggioranza
L’unico governatore dem in crescita è il segretario Nicola Zingaretti che, come spiega il direttore di  Noto Sondaggi Antonio Noto, risente positivamente della “nuova identità” di segretario. Gli unici ad avere più gradimento rispetto a quello delle elezioni con lui sono Giovanni Toti (Liguria, più 4,8%) ma soprattutto il primo in classifica Luca Zaia (Veneto) che migliora dell’11,9%. Nonostante la crescita di questi governatori, in generale il consenso è calato. Rispetto all’edizione 2018 del sondaggio Governance Poll, la flessione media è di 1,4 punti percentuali e la media di gradimento scende al 41,9%, soglia che comunque nella maggioranza dei casi garantirebbe la rielezione. Solo Zaia Fedriga sono graditi alla maggioranza assoluta degli elettori; nel precedente sondaggio invece erano ben sette i governatori regionali ad essere sopra il 50%.

Zaia: “Lavoro di squadra. Ora puntiamo all’autonomia”
Sui 5 governatori con il maggior consenso quattro sono stati eletti nell’ultimo anno. Solamente Zaia – rieletto nel 2015 – ha un consenso stabile e anche in crescita. “Il riconoscimento che arriva oggi è a Giunta, Consiglio e tecnici regionali – ha detto il presidente del Veneto -. Immagino che il gradimento della gente derivi da questo, dalla percezione del lavoro di noi tutti per loro e i loro problemi. Possiamo dire che, in Veneto, il contratto sociale prende corpo”. L’ex ministro dell’agricoltura ha poi sottolineato: “Abbiamo in corso la madre di tutte le battaglie: l’autonomia” su cui “i veneti si sono espressi compatti e con una straordinaria trasversalità rispetto ai partiti, da popolo maturo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia nigeriana, svelato il rito di affiliazione: “Se tradisco la confraternita un avvoltoio mi strapperà gli occhi”

next
Articolo Successivo

Europee, Salvini: “Oggi vero pericolo è terrorismo islamico, non il ritorno del fascismo, nazismo o comunismo”

next