NOI – US di Jordan Peele. Con Lupita Nyong’o, Winston Duke, Elisabeth Moss. USA 2019. Durata: 121’. Voto: 4/5 (AMP)

Già il titolo è da Oscar: US, sovrano di tutte le sintesi, che sta per “noi” e per United States, il luogo dove l’ignoto, il “diverso” equivale a crisi di panico. Jordan Peele, l’esordiente dell’esilarante Scappa – Get out (già un cult), l’ha scelto per siglare il suo secondo lungo, un nuovo horror squisitamente politico a tratti ancor più folgorante del primo.  Al centro è un’impressionante stratificazione di idee formali e tematiche: il “doppio”, l’identità, lo scambio, il rimosso, la famiglia e per estensione la comunità, il dualismo fra visibile e invisibile, il riflesso, il labirinto, i confini e le relative barriere, il Sogno Americano e sua maestà dell’intero genere horror, ovvero l’inconscio.

Sulla superficie di queste mirabolanti memorie dal sottosuolo si muove la tenera famiglia black dei Wilson: padre, due figli (un maschio e una femmina) e mamma Adelaide (la brava e bella Lupita Nyong’o) che è il punto di vista di tutta la questione. A lei, infatti, è affidato un trauma del passato che crea il legame con gli sconvolgenti incontri del presente. Senza rivelare altro, l’horror-in-comedy di Peele è un’opera psico/socio/politica su più livelli e significati, capace di farci giocare, tremare, ridere e pensare attraverso un cinema visionario che tracima “fear & fun”, paura e divertimento, quel binomio imprescindibile di cui il 40enne cineasta da New York si conferma autore-prodigio. Filmmaker a tutto tondo Peele (scrive, dirige e si produce) sa dove e come guardare il reale e il suo specchio, il cui riflesso parte dall’horror ma apre a un modello “di generi” esemplare e organizzato su discorsi articolati e complessi.

Film in uscita, da Noi – Us a Il Viaggio di Yao e poi Shazam, Book club e Butterfly: cosa ci è piaciuto e cosa no

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Isao Takahata, da Heidi allo Studio Ghibli. Un anno fa ci lasciava un gigante

prev
Articolo Successivo

Francis Ford Coppola compie 80 anni. Ecco i 5 film con cui ha cambiato il cinema

next