“Rievocare la realtà nei disegni piuttosto che immaginarseli reali”. È così che Isao Takahata descriveva il fine ultimo della sua arte. L’elemento simbolico e incantato fa capolino nella realtà invece di assorbirla completamente o di lasciarsi assorbire da essa, compiendo una rivalutazione radicale nel rapporto tra mimesi e astrazione alla base del processo di animazione. Attraverso questa peculiarità artistica Takahata si è reso immortale, lasciando una traccia ben più significativa dell’essere ricordato quale “altro volto” dello studio Ghibli, insieme al sodale e amico Hayao Miyazaki.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apolide, il nuovo corto sull’amicizia tra un medico e un migrante. Entrambi partigiani della vita

next
Articolo Successivo

Film in uscita, da Noi – Us a Il Viaggio di Yao e poi Shazam, Book club e Butterfly: cosa ci è piaciuto e cosa no

next