Il sindaco di Esino Lario Pietro Pensa, comune lecchese che conta 700 anime, ha deciso di mettere in vendita il comune per reperire i fondi necessari per la sopravvivenza del paese e per combattere la piaga dello spopolamento, che affligge 3.800 piccoli comuni in tutta Italia. “Giovedì 11 aprile, al Palazzo della Regione Lombardia, terminerà la vendita e potremo così scoprire chi si sarà aggiudicato i monumenti e gli edifici simbolo del nostro comune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europee, il Pd ha difficoltà a trovare candidati: molti rifuti al Sud. Zingaretti: ‘Non esclusa ricandidatura dei Bersaniani’

prev
Articolo Successivo

La7, lite Carfagna-Travaglio: “Non è credibile, ha attribuito a Berlusconi l’omicidio Fadil”. “Bugiarda, detto il contrario”

next