Si sa, le ostriche sono care ma a questo signore è stato uno solo dei pregiati molluschi a rendergli il conto molto salato. Sì, perché non si trattava di un’ostrica qualunque, ma di una di quelle del piatto di Rihanna. Succede a Londra: la popstar americana era a cena con il suo entourage nell’esclusivo ristorante dell’hotel a 5 stelle “Chiltern Firehouse” e al tavolo accanto al suo c’era un signore visibilmente ubriaco. Ad un certo punto l’uomo si è alzato e, come se niente fosse, le ha rubato per scherzo un’ostrica dal piatto.

“Rihanna è andata avanti ordinando piatti su piatti di ostriche per lei e il suo entourage – ha raccontato una fonte al tabloid britannico Sun -. Un tizio ubriaco, si è avvicinato al suo tavolo e ha afferrato un’ostrica dal suo piatto credendo fosse divertente”, ha raccontato la fonte, aggiungendo che “l’ha poi passata agli amici, colpiti che provenisse dal piatto di Rihanna. Dopo averla buttata giù, ha continuato a bere finché una persona dello staff di Rihanna non è venuto a chiedergli 250 sterline per un altro piatto di ostriche, visto che aveva rovinato il loro. L’uomo non ha potuto che tirare fuori la carta di credito e pagare”.

Rihanna, fidanzata con il milionario saudita Hassan Jameel, di certo non ha problemi di soldi, ma come ha rivelato la fonte, “di sicuro è un’abile donna d’affari che si circonda di persone esperte nel notare episodi come questo”. Quanto al vicino di tavolo, probabile che in futuro starà ben attento a non alzare troppo il gomito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Debora Caprioglio: “Quando Tinto Brass telefonò e disse di essere la Regina Elisabetta”

prev
Articolo Successivo

Professoressa licenziata per un selfie in topless: “Voglio essere riassunta e tre milioni di risarcimento”

next