Il 6 aprile del 2009 una forte scossa di terremoto devasta L’Aquila. 142 secondi di terrore provocano 306 vittime, 1.600 feriti e 18 miliardi di danni. A dieci anni dal sisma il centro della città è spopolato, 10mila persone vivono ancora nelle new town, la ricostruzione degli edifici pubblici è al palo e nessuno ha il coraggio di toccare le 4mila villette “temporanee” costruite (e poi ampliate) per tamponare l’emergenza abitativa. Il “provvisorio” è diventato per sempre. Cos’è rimasto dello slogan sbandierato per anni dalla politica (“Tutto tornerà come prima”)? Pietro Barabino e Ferruccio Sansa hanno condotto un’inchiesta approfondita su cos’è diventata oggi L’Aquila e i paesi della provincia, sempre più abbandonati e spopolati. Un’inchiesta fatta di numeri e volti che potrete leggere lunedì 1 aprile sul Fatto Quotidiano e vedere da martedì 2 aprile con il video su ilfattoquotidiano.it.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, questore: ‘Neutralizzato il ‘blocco nero’ degli anarco-insurrezionalisti’. Salvini: ‘Spero giudici non facciano sconti’

prev
Articolo Successivo

Ponte sullo Stretto, il governatore Musumeci chiede un referendum. L’opera mai costruita, ma la paghiamo ancora

next