“Definire l’assetto della proprietà delle riserve auree detenute dalla Banca d’Italia nel rispetto della normativa europea” e “acquisire le notizie” su quelle detenute all’estero e sulle “modalità per l’eventuale loro rimpatrio”. Lo si legge in una mozione a prima firma di Alberto Bagnai (Lega) e Laura Bottici (M5S) che sarà votata in Aula mercoledì 3 aprile che arriva all’indomani del monito del Capo dello Stato a rispettare l’indipendenza di istituzioni come Bankitalia e Bce e riapre un fronte che sembrava invece chiuso definitivamente. Oltre alla richiesta della maggioranza ne sono state depositate una analoga di Fdi e una di segno opposto del Pd.

La mozione di Fratelli d’Italia chiede che il governo con una norma “ribadisca, in maniera esplicita, che le riserve auree sono di proprietà dello Stato italiano”, chiedendo quindi che si approvi una norma per avocare allo Stato la proprietà delle riserve. Il Partito Democratico, invece, ribadisce l’autonomia della gestione di via Nazionale: nel testo si chiede tra l’altro di “escludere l’adozione di qualsiasi intervento volto a ridurre la disponibilità di risorse auree detenute dalla Banca d’Italia per iniziative volte a ridurre il debito pubblico, il deficit o per sostenere altri interventi, i cui costi di sistema sarebbero ben superiori ai benefici attesi”.

Il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Luca Ciriani, ha tenuto a rivendicare la primogenitura del suo partito in materia. “Fratelli d’Italia rivendica con forza due meriti: di essere stato il primo partito ad avere denunciato la questione della proprietà delle riserve auree detenute dalla Banca d’Italia, e di aver costretto su questo tema la maggioranza ad uscire allo scoperto e assumere una posizione che, tra l’altro, riprende la nostra – ha dichiarato -. Infatti, mercoledì in Aula al Senato sarà votata la nostra mozione, presentata lo scorso 6 febbraio, alla quale quella della maggioranza sarò soltanto abbinata, in quanto depositata appena due giorni fa, il 28 marzo”. Secondo il senatore, quindi, è evidente che “la nostra battaglia ha imposto al M5S e alla Lega di battere un colpo e di prendere, finalmente, coscienza che su un tema così delicato e importante non potevano continuare a rimanere silenti e assenti. Questo soprattutto dopo che il premier Conte in risposta a un nostro question time in Senato del 21 febbraio aveva affermato che la proprietà delle riserve auree non è degli italiani ma dei banchieri“.

“Mercoledì finalmente è prevista in discussione al Senato la mozione di Fratelli d’Italia, depositata mesi addietro, per ribadire che le riserve auree detenute da Banca d’Italia sono di proprietà dello Stato e del popolo italiano e non di Palazzo Koch. Probabilmente per non riconoscere a Fratelli d’Italia la paternità di questa storica battaglia, la maggioranza grillo-leghista si è sbrigata a presentare una identica mozione collegata alla nostra. – ha rincarato il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni – Siamo felicissimi di aver svegliato la maggioranza dal suo torpore, dopo che il premier Conte in Senato a un question time di Fratelli d’Italia su questo tema aveva clamorosamente dichiarato che le riserve auree appartengono a Bankitalia. È tempo di mettere fine a questa pericolosa situazione e certificare una volta per tutte che l’oro della Patria è degli italiani e non dei banchieri”.

Ad intestarsi la battaglia per rivendicare agli italiani la proprietà giuridica di oltre 90 miliardi di euro in lingotti di Via Nazionale era stata nelle scorse settimane la Lega, ma poi gli interventi di Ignazio Visco e del presidente dell’Eurotower Mario Draghi sembravano aver chiarito l’inesistenza di margini di manovra. Nessuno dei partecipanti al capitale di Banca d’Italia, ha infatti ribadito il primo, può vantare diritti sulle riserve auree e valutarie dell’Istituto ed è compito dell’Eurosistema, ha chiosato nei giorni scorsi il numero uno della Bce, “detenere e gestire le riserve ufficiali in valuta estera degli Stati membri”. Anche il premier ha già avuto modo di sottolineare, tra l’altro proprio in Senato, come la proprietà delle riserve auree sia di Bankitalia e come ciò sia necessario per tutelare “la moneta”. Così come è da ritenersi escluso, sempre secondo il presidente del Consiglio, che Bankitalia possa finanziare lo Stato. E pur sottolineando l’autonomia legislativa in capo al governo, nella stessa occasione, Conte ha ricordato la necessità di rispettare le regole europee.

Diventa sostenitore,
fai parte della redazione.
Abbiamo bisogno di te.

I nostri Sostenitori partecipano alle riunioni di redazione in diretta streaming, suggeriscono spunti e notizie, navigano il sito senza pubblicità, consultano gratuitamente l'archivio del giornale. Potranno inoltre accedere al numero di aprile di Fq Millennium e a Loft, la nostra piattaforma Tv, per 3 mesi. Hanno un blog dedicato per pubblicare le loro analisi. Insomma sono fondamentali per la nostra comunità. E in questo periodo di crisi lo sono anche per coprire economicamente parte del lavoro della nostra redazione. Diventa anche tu Sostenitore. Clicca qui. Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Congresso famiglie, Salvini: “Tanta polemica, neanche se fossi andato a congresso scippatori”

next
Articolo Successivo

Verona, Salvini attacca Spadafora (M5s): ‘Si occupi di velocizzare adozioni’. Palazzo Chigi: ‘La delega è del leghista Fontana’

next