Huawei P30 Pro è lo smartphone al top di gamma annunciato pochi giorni fa, che ha attirato l’attenzione per il comparto fotografico, in particolare l’inedito zoom periscopico. Avevamo lasciato in sospeso i giudizi su questa e altre caratteristiche in attesa di test approfonditi, ora possiamo tirare le somme e spiegarvi cosa abbiamo visto durante le prove. Oltre al comparto fotografico, che è la chiave di volta del P30 Pro, abbiamo apprezzato le prestazioni, la qualità costruttiva e l’autonomia. Avremmo preferito che ci fosse una presa jack per le cuffie (che invece è assente) e che si potesse espandere la memoria senza bisogno di schede proprietarie.

Dettagli che non inficiano un giudizio positivo su un prodotto che potrebbe, con le sue novità, condizionare il settore della fotografia smartphone nei prossimi mesi. Un’influenza che Huawei ha già sperimentato, perché lo scorso anno fu la prima azienda a presentare uno smartphone con tripla fotocamera posteriore (il P20 Pro) e la novità si estese a macchia d’olio. Potremmo scommettere che nei prossimi mesi lo zoom periscopico troverà larga diffusione nel settore.

C’è da dire che la novità ha un prezzo, in questo caso sono 999 euro. Una cifra comune per uno smartphone top di gamma, concorrenti diretti come il Galaxy S10+ o gli iPhone hanno listini intorno ai mille euro. Per chi non ha limiti di budget non è un problema, gli altri dovranno aspettare un po’ di più per beneficiare delle novità tecnologiche che questi prodotti introducono. Basti pensare che il P20 Pro lo scorso anno ha introdotto tre fotocamere, adesso le soluzioni di questo tipo hanno prezzi più che abbordabili.

Recensione del Huawei P30 Pro, il nuovo smartphone top di gamma di Huawei

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Canon Zoemini S e Zoemini C, le fotocamere moderne che stampano le istantanee

prev
Articolo Successivo

Facebook, l’appello di Zuckerberg ai governi: “Nuove regole per il web”

next