Adieu Agnes Varda. Geniale, originale, anarchico folletto del cinema mondiale. Pioniera della Nouvelle Vague, donna determinata, irrefrenabile, libera. La regista di origine belga, Oscar alla carriera nel 2018, moglie innamorata magicamente in eterno del marito regista Jacques Demy, ci ha lasciati nelle notte del 29 marzo, all’età di 90 anni.

Esordio fulminante per un cortometraggio en plein air nel 1954 – La pointe courte – con Alain Resnais al montaggio e il faccione di Philippe Noiret in primo piano, poi il lungo del riconoscimento nazionale ed europeo, Cleo dalle 5 alle 9 nel 1962. Ancora: un gioiello di finzione pop quasi documentaria ne Le Bonheur (1965) che vince a Berlino; la consacrazione con Senza tetto né legge (1985) Leone d’oro a Venezia; e infine in mezzo ad una decina di lungometraggi tanto, tantissimo cinema documentario ipnotizzante e sincero.

Sembrano poche cose, invece in ogni film della Varda, in ogni sequenza e fotogramma, la cineasta ha saputo mostrare delicatezza e ambiguità del dubbio esistenziale, il palpitare silenzioso del cuore, l’osservazione gentile di anime apparentemente dure e teneramente fragili. Al centro del racconto, spesso e volentieri, una donna. Soprattutto nei lavori della maturità. Anche se già l’introspezione individuale del protagonista del suo primo cortometraggio viene scombussolato proprio dall’arrivo della moglie nel paesino natio di pescatori dove si è rifugiato ed è lei a dettare narrazione, svolte e finale con la macchina da presa che finalmente si libera da lacci e lacciuoli dell’imbalsamato “cinema di papà” commerciale.

Varda è probabilmente la prima regista della levata Nouvelle Vague (appellativo che non ha mai completamente gradito) ad uscire con uno sguardo diretto e realistico oltre i confini dei set angusti e artificiali della grande industria del cinema. Appena dopo il girovagare parigino di Antoine Doinel e di Michel/Laszlo, ecco la Cleo (Corinne Marchand) del film omonimo del ’62 camminare tra boulevard e bistrot della capitale in attesa degli esiti di un esame medico delicatissimo. Oggi sembra tutto un dejà-vù, ma quell’ariosità formale, quell’impressione che il cinema dovesse andare in strada, percorrere, illuminare e illuminarsi di nuovi spazi e di storie comuni, inizia assieme alla Varda, in quegli anni.

Esuberante, schiva, legata in una maniera incredibile al marito Demy fin dal 1958, Varda ha poi saputo rimescolare le carte del destino con un film particolarissimo come Le Bonheur/Il verde prato dell’amore dove il fluttuare pop di colori (i girasoli, gli abiti, le vetture) investe un journal intime al maschile di tradimento impossibile e ricerca della felicità per una vera coppia nella vita che recita la parte di un  postino e sua moglie nella finzione. Discorso più tragico ma identico in Senza tetto né legge, nel rimescolare le carte del destino individuale immergendo una ragazza (Sandrine Bonnaire) vagabonda tra le strade di campagna e i suoi incontri casuali di uomini prima della tragica morte. Anche se gli anni sessanta e settanta sono il periodo della contestazione e dell’emancipazione. E Varda si esprime parallelamente con il linguaggio del documentario.

Partecipa alla realizzazione di Lontano dal Vietnam nel 1967, il lavoro di Chris Marker, assieme a Godard, Leoluch e Joris Ivens; nel ’68 immortala le Black Panthers a Oakland in California; poi ancora intesse un’amicizia con Jim Morrison fino alla sua morte nel ’71; osserva e documenta vicini di casa nella strada parigina dove abita, ma gira anche un documentario sulle statue neoclassiche della capitale. Irriducibile, instancabile, Varda non si piega alle mode, continua ad osservare attorno a sé, poi le capita di divertirsi e scandalizzare quando con Kung-fu Master (1985) la protagonista adulta del film (Jane Birkin) si innamora di un quattordicenne e stabilisce una relazione con lui. Capolavoro assoluto, infine, in questo mare magnum di spunti, inserti, corti e lunghi, documentari improvvisati, fotografie, è Les plages d’Agnès nel 2008. Un documentario autobiografico totalizzante, intenso e commovente, in cui Varda gioca con i ricordi di una carriera, saltellando su una spiaggia dove le scritte della vita si cancellano con un’onda del mare, dove siede spiritosa sulla classica sedia da regista, dove gioca con gli specchi addolorati di un’anima bella che ha incontrato il cinema e senza troppo clamore l’ha rivoluzionato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Film in uscita, da Dumbo a Border e poi Captive State, Bentornato presidente: cosa ci è piaciuto e cosa no

next
Articolo Successivo

David di Donatello 2019: come sta il cinema italiano?

next