Uno dei marchi più “giovani” del panorama automobilistico europeo, Smart, potrebbe presto cambiare continente. Almeno in parte. Secondo le anticipazioni del Financial Times, la cinese Geely avrebbe in animo di rilevare il 50% delle quote del marchio dal gruppo Daimler, di cui peraltro è il maggiore azionista avendone acquisito il 9,69% del capitale nel febbraio 2018, con un esborso di 7,3 miliardi di euro. Operazione nondimeno avvenuta rastrellando azioni del colosso tedesco sul mercato, con quella che aveva tutti i connotati di una scalata ostile e che non poco aveva fatto preoccupare il governo tedesco.

Poco più di un anno dopo, dunque, si prefigura un’altra mossa ad effetto da parte del vulcanico numero uno dell’azienda cinese Li Shufu, che dopo aver portato a casa anche Volvo, Lotus e Proton (nonché creato i brand elettrici Polestar e Link&Co.), vuole mettere le mani anche su Smart. Un marchio che non se la passa troppo bene attualmente, dal momento che vende solo 130 mila auto all’anno: percentuale trascurabile rispetto ai due milioni e mezzo di veicoli immatricolati da Mercedes.

L’operazione, che secondo la testata inglese verrà annunciata al prossimo salone dell’auto di Shanghai di metà aprile, sarebbe stata favorita dal cambio al vertice del gruppo tedesco. Lo storico amministratore delegato Dieter Zetsche, acceso sostenitore della “smartina”, a maggio lascerà infatti l’incarico al successore, Ola Kallenius, che avrà il mandato per 5 anni e che non è mai stato convinto delle performance commerciali di Fortwo e Forfour. Gli analisti di Evercore ISI stimano infatti che le perdite di Smart si attestino tra i 500 ed i 700 milioni di euro all’anno, aggiungendo che di utili, da quando il brand fu fondato 21 anni fa, non se ne sono mai visti.

Ma l’affare potrebbe incontrare un ostacolo, grande quanto prevedibile. Il governo tedesco, cui si faceva cenno sopra, è restio a concedere una sempre maggiore influenza delle aziende cinesi sull’industria tedesca, sia dell’auto che di altri comparti merceologici. Mister Li Shufu dovrà dunque fare i conti anche con questo, ma magari la visita in Europa del premier Xi Jinping potrebbe avergli spianato la strada.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Opel, i veicoli commerciali sono serviti. Parola di Mara Maionchi

prev
Articolo Successivo

Fca, tutti la vogliono: prima PSA, ora Renault. Coreani e cinesi alla finestra

next