Grazie UE, ora il porno online è più tutelato. Parola di Rocco Siffredi. Già, perché il re dell’hard è stato tra i primissimi a gridare tutto il suo entusiasmo per la nuova direttiva sul copyright votata dal Parlamento europeo. “Questo voto fermerà il saccheggio del porno. Fino ad oggi i contenuti pornografici non avevano tutela, c’era una discriminazione”, ha spiegato Siffredi all’AdnKronos. La normativa obbligherà infatti le piattaforme di condivisione, dove gli utenti caricano contenuti, a vigilare sul diritto d’autore. E secondo fonti UE, tra questi contenuti ci sono anche i filmati porno. “Questi siti sono il problema maggiore che abbiamo perché riducono drasticamente gli introiti di chi produce video hard – sottolinea il 54enne fresco interprete e regista di Rocco’s dirty girls 4 – ormai si guadagna solo grazie agli “affezionati” a questa o quella star del porno che sono disposti a pagare un abbonamento, di solito fra gli 8 e i 10 dollari al mese, per accedere ai siti dove c’è tutta la loro produzione a disposizione, con immagini di qualità”.

Siffredi si è poi scagliato contro i portali di porno gratuiti online: “Sui siti di condivisione ci sono video parziali, spezzoni, materiale di fatto rubato e spesso di bassa qualità tecnica. Anche solo la paura di grane legali può ridurre questo genere di ‘furti’ ”. Non a caso tra i principali critici del provvedimento preso dalla UE c’è proprio Pornhub che negli ultimi giorni si è aggiunto a Reddit, Twitch e diverse pagine nazionali di Wikipedia, protestando soprattutto contro gli articoli 11 e 13 della direttiva approvata. “Ormai i guadagni sono talmente bassi che si producono sempre meno film pornografici strutturati e si realizzano sempre più video di pochi minuti, senza neanche una parvenza di storia”, ha spiegato Siffredi, riportando una tendenza stilistica e commerciale ampiamente indagata nel numero 14 di FQMILLENNIUM, e ricordando, infine, che solo chi ha un’esperienza produttiva e studi propri come lui può continuare a realizzare film “classici” in autonomia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Kean, il padre del calciatore della Juve: “Aiutiamoli a casa loro”. E la Lega lo invita a tesserarsi e a lanciare la campagna elettorale

next