L’ultimo singolo di Briga si chiama “Sesso” e il cantante si lascia andare ad alcuni rivelazioni restando in tema. Mattia Bellegrandi, questo il suo vero nome, è diventato noto grazie alla partecipazione al talent show Amici di Maria De Filippi e lo scorso febbraio ha duettato al Festival di Sanremo con Patty Pravo sulle note di “Un po’ come la vita”. Successo che ha anche aumentato il numero delle avances ricevute da parte di personaggi molto noti nel mondo dello showbiz: “Sì, ma di fare i nomi non ci penso proprio. Dico solo che non c’è il confine dei ruoli”, ha dichiarato a Leggo.it.

Il rapper ha poi spiegato di aver “subito” particolari corteggiamenti anche da uomini: “Ultimamente sì. Soprattutto dopo l’accoppiata a Sanremo con Patty Pravo. Ma è anche il titolo ‘Sesso’ che si presta al fraintendimento. Uno mi ha scritto che farebbe l’amore con me. Ho risposto: ‘Anche io, se fossi una bella fi*a‘. Rido di fronte all’intraprendenza. Senza tabù.”

Così, restando sull’argomento, aggiunge : “Il senso non manca ma nemmeno basta. Quando sei popolare hai una fila di ragazze. Il risultato è un appagamento momentaneo. Quando ne hai tante, ti viene il dubbio di trattarle come ‘autonoleggio’: fai il pieno di niente, nonostante abbia un’altissima considerazione delle donne.”

Torna poi sull’episodio hot racconato nel corso di un’intervista doppia a Le Iene qualche settimana fa: “Sì, sono stato con due donne, ho fatto sesso in pubblico dietro un suv in centro storico a Roma, e l’ho fatto a martelletto. Confermo tutto. Questa storia ha fatto il giro del web… tant’è che mi ritrovo battute sul martelletto anche sui social“, ha concluso Briga.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maratona Mentana, tensioni tra il direttore del TgLa7 e Massimo Giletti?

prev
Articolo Successivo

Francesca Cipriani: “Se la Lega e Salvini arrivano al 40% mi spoglio in piazza del Duomo a Milano”

next