Il nuovo sistema operativo per smartphone, Android Q, è stato finalmente pubblicato. Al momento gli utenti non possono ancora installarlo sui propri smartphone perché si tratta di una in versione beta, peraltro valida solo per gli smartphone Pixel a marchio Google. Queste restrizioni momentanee però non sminuiscono l’importanza dell’annuncio: Android Q di fatto sarà il prossimo sistema operativo per gli smartphone del robottino verde.

“Beta” significa che quella di cui si parla non è una versione definitiva del software, è possibile che ci saranno nei prossimi mesi delle altre novità. Però è sufficiente per dare un’occhiata almeno alle caratteristiche più rilevanti, in attesa dell’annuncio ufficiale, che è in programma dal 7 al 9 maggio nel corso della conferenza per gli sviluppatori Google I/O 2019.

Ecco le novità più importanti di quella che è la naturale evoluzione dell’attuale sistema operativo Android Pie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook avrebbe venduto i dati degli utenti ad altri colossi digitali, inchiesta a New York

prev
Articolo Successivo

Auto a guida autonoma controllate dagli hacker? Basterebbe poco per bloccare un’intera metropoli

next