Nelle ultime settimane hanno tenuto banco gli smartphone pieghevoli. Huawei Mate X, Samsung Galaxy Fold e altri hanno reso evidente la necessità nel breve periodo di un sistema operativo capace di gestire e valorizzare il doppio schermo. Le soluzioni Huawei e Samsung installano versioni personalizzate di Android, quello che serve è un software che fornisca nativamente un’esperienza d’uso adeguata con uno schermo pieghevole.

Android Q lo fa, grazie ad alcune modifiche alle funzionalità “onResume” e “onPause”, così che l’app attiva possa supportare il multi-resume. Perfezionato anche il funzionamento del manifest di resizeableActivity per migliorare la visualizzazione.

Il fatto che Android Q supporti nativamente gli schermi pieghevoli sarà certamente un fattore determinante nella diffusione di questi prodotti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook avrebbe venduto i dati degli utenti ad altri colossi digitali, inchiesta a New York

next
Articolo Successivo

Auto a guida autonoma controllate dagli hacker? Basterebbe poco per bloccare un’intera metropoli

next