Reinhold Messner il Nanga Parbat lo conosce bene. E conosce bene anche lo sperone Mummery, la via che Daniele Nardi e Tom Ballard stavano cercando di scalare quando, si presume per un incidente, sono rimasti uccisi. Reinhold, da quella via impossibile, è sceso nel 1970 insieme al fratello Gunther e proprio lì Gunther ha perso la vita. Il corpo del giovane Messner è stato ritrovato solo 30 anni dopo.

Oggi, il grande alpinista parla a Corriere della Sera della possibilità di recuperare i corpi di Nardi e Ballard: “Non sarà facile – dice – il Pakistan è in guerra contro l’India per il controllo della zona del Kashmir e tutta la zona intorno al Karakorum è un fronte bellico. Solo l’esercito nazionale può volare in quella zona e per gli stranieri muoversi nell’area è praticamente impossibile”. Di una cosa però Messner è sicuro: “Se c’è uno che potrebbe farcela quello è Simone Moro. Ha l’esperienza, le conoscenze, la capacità organizzativa per un’impresa dentro la tragedia. In questa storia nessuno sarà un eroe: ma i familiari di Nardi e Ballard, dopo non essere riusciti a convincerli a rinunciare a spingersi dove l’uomo non dovrebbe andare, hanno diritto almeno alla consolazione che più li solleva”.

Articolo Precedente

Simone Moro, le famiglie di Daniele Nardi e Tom Ballard rifiutano la sua offerta di recuperare i corpi: “I resti diventino parte del Nanga Parbat”

next
Articolo Successivo

Taylor Mega sbarca su Tinder ma finisce male: lo scherzo de Le Iene

next