Alberto Bucci, storico ex allenatore e presidente della Virtus, è morto sabato 9 marzo a Bologna. Un mese prima aveva voluto salutare amici e tifo all’Osteria del Pignotto a Zola Predosa, a due passi Bologna. Il discorso, una sorta di testamento sportivo, è stato diffuso in questi giorni sulla pagina Facebook del ristorante. “Non so quanto ho da vivere – sono state le sue ultime parole – ma per il tempo che ho da vivere, mi sarete nel cuore”. Bucci era malato da tempo e avrebbe compiuto 71 anni ad aprile. Figura storica del basket italiano, ha vinto tre scudetti come allenatore della Virtus nel 1984, 1994 e 1995 e ha legato il suo nome ad altre piazze storiche, tra cui Livorno, dove raggiunse una storica finale con la Libertas, Verona e Pesaro. Ha inoltre conquistato 4 Coppe Italia e una Supercoppa. Nel 2015 è stato inserito nella Hall of Fame della pallacanestro italiano e dall’anno successivo è stato presidente della Virtus

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kelly Catlin, è morta suicida a 23 anni la ciclista medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio 2016

prev
Articolo Successivo

Juventus-Atletico Madrid, Ronaldo segna il rigore e Douglas Costa imita Simeone: la “sobria” esultanza verso il Cholo

next