Stava facendo un’escursione subacquea con la sua squadra di sommozzatori quando, sotto lo sguardo sbalordito dei suoi compagni, è stato risucchiato da una gigantesca balena che, dopo un po’, così come lo aveva ingoiato, lo ha risputato fuori sano e salvo. Protagonista di questa storia che ha dell’incredibile è il 51enne Rainer Schimpf, regista di “Dive Expert Tours”, originario del Sud Africa. L’uomo era partito dal porto di Port Elizabeth, a est di Città del Capo, per documentare una corsa di sardine, come riferisce Fox News: lui e il suo team si erano divisi in due gruppi e si trovavano a 25 miglia nautiche dalla costa quando improvvisamente hanno avvertito un cambiamento nel moto ondoso e gli è sembrato che il mare si stesse muovendo in modo “strano”.

È stato lo stesso Schimpf a ricostruire quanto accaduto a Sky News: “Mi stavo concentrando sugli squali che mi nuotavano intorno perché vuoi sapere se lo squalo è davanti a te o dietro di te, a destra o a sinistra, quindi eravamo molto concentrati sugli squali e sul loro comportamento quando improvvisamente intorno è diventato buio“. “Ho capito che ero stato inghiottito da qualche animale. Non c’è tempo per la paura in una situazione del genere, devi usare il tuo istinto”, ha raccontato, aggiungendo: “Ho trattenuto il respiro perché pensavo che si sarebbe immerso e mi avrebbe liberato molto più profondamente nell’oceano, era buio pesto dentro. Ovviamente poi l’animale si è reso conto che non ero quello che voleva mangiare, quindi mi ha sputato fuori. Una volta che sei preso da qualcosa che pesa oltre 15 tonnellate e si muove molto veloce nell’acqua, ti rendi conto che in realtà sei solo così piccolo in mezzo all’oceano”, ha concluso.

Una volta che la balena l’ha risputato fuori, lui illeso è riuscito a tornare da solo alla sua barca. Mentre lui era nella bocca della balena però, il suo collega e fotografo, Heinz Toperczer, ha tenuto la macchina fotografica focalizzata su quanto stava accadendo e ha immortalato tutta la scena.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

X Factor, anche Mara Maionchi dice addio al suo ruolo di giudice: “Non credo di rifarlo”

next