“I corpi dei morti nel Mediterraneo parlano, ci raccontano le loro storie e ci avvicinano a loro. Se si conoscesse gli oggetti che si portano dietro nella traversata del Mediterraneo, capiremmo che hanno le stesse cose dei nostri adolescenti, loro siamo noi”, così Cristina Cattaneo, antropologa forense dell’Università di Milano, che pone anche l’accento sulla disperazione esistente dietro le grandi migrazioni odierne e sulle ferite che si riscontrano nei corpi dei vivi che riescono a sopravvivere.  Ad intervenire, nel dibattito organizzato durante la fiera “Fa’ la cosa giusta“, in corso a Milano, anche Cesare Pitea, Professore di diritto internazionale Università di Milano: “L’Italia dovrebbe cooperare con gli altri stati e assicurare sviluppi più equi degli stati più poveri, aprire canali legali per tutte le migrazioni e organizzare un servizio effettivo di ricerca e soccorso. La Libia non si può considerare un porto sicuro, non dovremmo cooperare con i libici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, Avvenire: “Due procure indagano sull’omesso sbarco dei minori a Siracusa e sul trasferimento a Catania”

next
Articolo Successivo

Siria, 4 milioni di bimbi non conoscono che la guerra: “La nostra vita e le bombe sono una cosa sola”

next