Un doppio concerto per festeggiare i suoi 70 anni e la festa della donna, ma con una confessione inaspettata: “Ho rischiato di non esserci”. Così Antonello Venditti, come riporta Repubblica, giovedì sera ha aperto l’evento speciale al Palazzo dello Sport dell’Eur a Roma, raccontando al pubblico un episodio capitatogli la sera precedente: “Ieri sera stavo per morire, un pezzo di carne non scendeva giù e il nostro maestro delle luci Max Tommasino mi ha salvato con la manovra di Heimlich“.

Un incidente che poteva costargli caro, come ha spiegato lo stesso cantautore dal palco, che ha rivolto un invito ai suoi fans: “Imparate quella manovra, può salvare della vite”. La manovra a cui fa riferimento è una tecnica di primo soccorso per risolvere rapidamente casi di soffocamento provocati da un’ostruzione delle vie aeree, che prende il nome dal suo inventore, il medico statunitense Henry Heimlich, morto nel dicembre 2016. “Ora ho dolore al costato – ha continuato Venditti – ma sono felice di essere qui con voi”.

La serata poi è proseguita con un omaggio allo storico disco Sotto il segno dei pesci: al live hanno partecipato Zucchero, Ultimo e Briga, che ha aperto l’evento con Sora Rosa, il primo brano scritto da Venditti all’età di 16 anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le donne non compongono più solo per diletto, ma per mestiere. E l’Italia ne può vantare molte

prev
Articolo Successivo

Mogol a Che tempo che fa: “Senso di responsabilità? L’ho avvertito scrivendo ‘guidare a fari spenti nella notte'”

next