Giulio Rapetti Mogol a “Che Tempo che Fa” su Rai1, dopo aver ripercorso insieme a Fabio Fazio la sua splendida carriera a 50 anni dal primo album scritto con Lucio Battisti, ha affermato: “Senso di responsabilità? L’ho sentito quando ho scritto ‘Guidare come un pazzo a fari spenti nella notte’ – strofa del celebre testo ‘Emozioni’ –  Me ne sono accorto perché due o tre sono andati fuori strada, per fortuna non è successo niente”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonello Venditti al concerto del PalaEur svela: “Ho rischiato di morire soffocato, salvato con la manovra di Heimlich”

next
Articolo Successivo

Che fuori tempo che fa, Crozza e il trasloco del Pd: “Un bar nella nuova sede? Zingaretti, la gente beve per dimenticarvi”

next