Giulio Rapetti Mogol a “Che Tempo che Fa” su Rai1, dopo aver ripercorso insieme a Fabio Fazio la sua splendida carriera a 50 anni dal primo album scritto con Lucio Battisti, ha affermato: “Senso di responsabilità? L’ho sentito quando ho scritto ‘Guidare come un pazzo a fari spenti nella notte’ – strofa del celebre testo ‘Emozioni’ –  Me ne sono accorto perché due o tre sono andati fuori strada, per fortuna non è successo niente”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonello Venditti al concerto del PalaEur svela: “Ho rischiato di morire soffocato, salvato con la manovra di Heimlich”

prev
Articolo Successivo

Che fuori tempo che fa, Crozza e il trasloco del Pd: “Un bar nella nuova sede? Zingaretti, la gente beve per dimenticarvi”

next