Eusebio Di Francesco non è più l’allenatore della Roma. La dirigenza giallorossa ha esonerato l’allenatore dopo il pesante k.o. nel derby contro la Lazio e l’eliminazione dalla Champions League in virtù della sconfitta per 3-1 contro il Porto. In pole per la sostituzione del tecnico c’è Claudio Ranieri, esonerato negli scorsi giorni dal Fulham.

“Da parte mia e di tutta l’As Roma, vorrei ringraziare Eusebio per l’impegno profuso”, ha dichiarato il presidente Jim Pallotta. “Ha sempre lavorato con un atteggiamento professionale e ha messo al primo posto gli interessi del club rispetto a quelli personali. Gli auguriamo il meglio per la sua carriera”, si legge nel comunicato con cui il club ha annunciato il divorzio.

Di Francesco, che da giocatore ha vinto uno scudetto con la Roma nel 2001, aveva iniziato la sua nuova avventura nella Capitale nell’estate del 2017. L’allenatore aveva guidato la Roma fino alle semifinali di Champions nella stagione 2017/18, il miglior piazzamento mai ottenuto in Europa dal club dal 1984, grazie alla rimonta per 3-0 contro il Barcellona.

In pole per prendere il suo posto ci sarebbe Ranieri, ben visto dalla squadra, come eventuale ‘traghettatore’, con un contratto fino a giugno e l’opzione per un anno in caso di qualificazione in Champions. Non sono da escludere però Christian Panucci e Roberto Donadoni. Sembrerebbe ormai lontano, come assicurano anche dalla Francia, Paulo Sousa, vicino a firmare con il Bordeaux.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio San Siro, pronto il progetto per un nuovo impianto: il Meazza sarà demolito

next
Articolo Successivo

Roma, dopo Di Francesco saluta pure il ds Monchi. Totti pronto per un nuovo ruolo

next