Un’eliminazione che non va giù. La Roma saluta la Champions League, sconfitta ai supplementari 3-1 dal Porto allo stadio Do Dragao. Niente quarti di finale per i giallorossi, dunque, nonostante la vittoria dell’andata per 2-1. Lo stesso punteggio con cui si sono chiusi i tempi regolamentari. Ma a far infuriare l’ambiente romanista, a partire dal presidente James Pallotta, sono le decisioni dell’arbitro Cüneyt Çakır, che non concede un rigore alla Roma in pieno recupero, nonostante l’ausilio del Var.

“Lo scorso anno abbiamo richiesto il Var in Champions League perché ci avevano rovinato la semifinale – scrive nella notte il presidente della Roma – e questa sera, nonostante ci fosse, siamo stati derubati”. “Schick è stato atterrato in area, il Var lo dimostra, e non viene fatto niente – è lo sfogo di Pallotta, rilanciato dal profilo ufficiale – Sono stufo di questa m…a. Non ho più parole!”.

Dopo 90 minuti intensi, segnati dalle reti di Soares e Mariga per i portoghesi e di De Rossi su rigore per la Roma, è nell’extra time che si decide l’ottavo di finale. Un’ingenuità di Florenzi al 115′, uscito in lacrime dal campo, porta sul dischetto l’ex interista Alex Telles, che realizza il 3-1 definitivo. A far recriminare, però, è il tocco sospetto di Marega che fa cadere in area Schick negli ultimi secondi di gioco. L’arbitro, dopo essersi consultato con il Var, decide di non andare allo schermo per rivedere l’episodio dubbio.

Sorpresa, invece, nell’altra partita di mercoledì, con il Manchester United che ribalta la sconfitta dell’andata ed elimina il Paris Saint Germain: dopo il 2-0 dell’andata, i Red Devils espugnano il Parco dei Principi, imponendosi per 3-1 sui francesi. Decisivo il gol su rigore segnato dagli inglesi al 94′ a Gigi Buffon, colpevole sul secondo gol dello United. Proprio il portiere azzurro ha appena rinnovato per un anno col Psg, dove giocherà fino a 43 anni. Martedì, invece, era stato l’Ajax a ribaltare il punteggio, eliminando il Real Madrid grazie all’1-4 al Santiago Bernabeu.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Atletico Madrid – Juventus 2 a 0: non basta il Var. Bianconeri sconfitti in Spagna

prev
Articolo Successivo

Juventus-Atletico Madrid 3-0, tripletta di Cristiano Ronaldo: i bianconeri rimontano e si qualificano ai quarti di Champions

next