Nomine nel segno della continuità per la gestione di Fincantieri, Italgas e Snam, con un riconoscimento dell’azionista pubblico alla gestione degli amministratori delegati Giuseppe Bono, Paolo Gallo e Marco Alverà che verranno confermati per un nuovo mandato. L’indicazione è per una conferma anche del presidente di Fincantieri, Giampiero Massolo. Mentre Alberto Dell’Acqua sarà il nuovo presidente di Italgas (sostituendo Lorenzo Bini Smaghi) e Luca Del Fabbro il nuovo presidente di Snam sostituendo Carlo Malacarne.

Le liste di candidati approvate dall’azionista Cassa Depositi e Prestiti in vista del rinnovo dei cda delle tre partecipate – ha il 77,50% di Fincantieri tramite Fintecna e tramite Cdp Reti il 26,04% il 30,37% di Snam – confermano quindi il quadro che era trapelato nei giorni scorsi sull’accordo politico su questa tornata di nomine nel governo M5s-Lega.

Per Fincantieri, in particolare, prosegue l’era di Giuseppe Bono che è dal 2002 al timone della società cantieristica di Trieste. I segnali continuità sono un segno di fiducia anche per la gestione di Snam e di Italgas, con anche gran parte dei consiglieri uscenti confermati, accanto all’elemento di rinnovamento con le nuove presidenze.

Il vicepremier Matteo Salvini aveva chiuso il confronto sulla governance di Fincantieri il 4 marzo: “Per me sono riconfermati entrambi, sia Bono che Massolo”. E oggi, prima che venissero pubblicate le liste di candidati approvate da Cdp, dal fronte 5 Stelle è arrivato un segnale chiaro dal sottosegretario Stefano Buffagni: “Quello che abbiamo fatto e faremo anche sulle società quotate sarà guardare i risultati: l’amministratore delegato è stato bravo, ha portato dividendi, ha fatto gli interessi del paese, è credibile sul mercato? Se sì lo riconfermiamo. E infatti li riconfermiamo tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crescita, a febbraio indice dei direttori acquisti risale a 49,6 da 48,8 di gennaio: meglio delle attese degli economisti

prev
Articolo Successivo

Diamanti, “pensionata transa con Unicredit”. Poi il legale che ha dato la notizia smentisce tutto

next