Il nuovo suv compatto di Alfa Romeo ha un nome: si chiama Tonale e sarà presentato sotto forma di show-car all’imminente Salone di Ginevra, che aprirà i battenti al pubblico il 7 marzo ma  verrà inaugurato dalle giornate dedicate alla stampa. Trattasi di un modello estremamente atteso, che aprirà nuove prospettive commerciali al brand del Biscione: per vederlo nelle concessionarie bisognerà attendere il 2020. Intanto ve ne proponiamo un’immagine “rubata” durante l’allestimento dello stand del marchio italiano alla kermesse svizzera.

A confermare il nome è lo scatto fotografico che vedete qui sopra, anch’esso rubato nello stand ginevrino della marca e subito finito in rete. Secondo alcune indiscrezioni, la vettura condividerà la base meccanica con Jeep Compass. Significa che la Tonale avrà una configurazione a trazione anteriore o integrale, con motorizzazioni quattro cilindri benzina e diesel installate trasversalmente.

La Tonale sarà probabilmente proposta anche in configurazione ibrida plug-in: lo suggerisce lo scranno da cui verrà diretta la conferenza Alfa Romeo in programma per domani. Alla sua destra, infatti, è presente un filo collegato a uno spinotto, come quelli delle colonnine pubbliche per la ricarica di veicoli ibridi ed elettrici.

Il  nuovo suv sarà prodotto a Pomigliano, dove FCA ha già avviato un programma di investimento per ammodernare gli impianti dello stabilimento, in particolar modo quelli dedicati a lastratura e verniciatura. Le risorse economiche serviranno anche per l’adeguamento della pista di collaudo finale dei veicoli usciti dalle catene di montaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Seat el-Born, la compatta elettrica in salsa spagnola per Ginevra – FOTO

prev
Articolo Successivo

Fiat Concept Centoventi, l’erede della Panda è elettrica e debutta a Ginevra

next