Il nuovo suv compatto di Alfa Romeo ha un nome: si chiama Tonale e sarà presentato sotto forma di show-car all’imminente Salone di Ginevra, che aprirà i battenti al pubblico il 7 marzo ma  verrà inaugurato dalle giornate dedicate alla stampa. Trattasi di un modello estremamente atteso, che aprirà nuove prospettive commerciali al brand del Biscione: per vederlo nelle concessionarie bisognerà attendere il 2020. Intanto ve ne proponiamo un’immagine “rubata” durante l’allestimento dello stand del marchio italiano alla kermesse svizzera.

A confermare il nome è lo scatto fotografico che vedete qui sopra, anch’esso rubato nello stand ginevrino della marca e subito finito in rete. Secondo alcune indiscrezioni, la vettura condividerà la base meccanica con Jeep Compass. Significa che la Tonale avrà una configurazione a trazione anteriore o integrale, con motorizzazioni quattro cilindri benzina e diesel installate trasversalmente.

La Tonale sarà probabilmente proposta anche in configurazione ibrida plug-in: lo suggerisce lo scranno da cui verrà diretta la conferenza Alfa Romeo in programma per domani. Alla sua destra, infatti, è presente un filo collegato a uno spinotto, come quelli delle colonnine pubbliche per la ricarica di veicoli ibridi ed elettrici.

Il  nuovo suv sarà prodotto a Pomigliano, dove FCA ha già avviato un programma di investimento per ammodernare gli impianti dello stabilimento, in particolar modo quelli dedicati a lastratura e verniciatura. Le risorse economiche serviranno anche per l’adeguamento della pista di collaudo finale dei veicoli usciti dalle catene di montaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Seat el-Born, la compatta elettrica in salsa spagnola per Ginevra – FOTO

next
Articolo Successivo

Fiat Concept Centoventi, l’erede della Panda è elettrica e debutta a Ginevra

next