Gli elettori del Pd che volevano votare alle primarie a Striano, comune in provincia di Napoli, sono dovuti arrivare nella vicina Poggiomarino per crociare il proprio candidato segretario preferito. La colpa? Del presidente di seggio, Sandro Rendina, che si è rifiutato di aprire il seggio, accusando i dirigenti del partito di non aver condiviso a livello locale le liste dei candidati all’assemblea.

Quindi la reazione: nonostante la mediazione del segretario del circolo Pd locale, Nando Rendina, che non è suo parente, il presidente ribelle si è chiuso in casa ‘sequestrando’ il kit di schede e il materiale per il voto, rendendo impossibile l’apertura del seggio. “Anche i due scrutatori – racconta il segretario del Pd Nando Rendina – si sono opposti all’apertura del seggio. Il nome su cui c’è scattata la protesta è quello di Vincenzo Coppola che è nella lista a sostegno di Maurizio Martina ed era stato candidato alle ultime elezioni comunali del 2014 contro il sindaco poi eletto Aristide Rendina, parente dei due scrutatori che non hanno aperto il seggio”.

Una situazione molto complicata che alla fine si è conclusa con seggio chiuso ed elettori costretti a traslocare a Poggiomarino, il paese più vicino. “A Striano – riferisce Nando Rendina – nel 2014 c’erano ben 5 candidati del Pd a sindaco con diverse liste civiche. Coppola era uno di quelli e attualmente fa il consigliere comunale d’opposizione. In primavera ci saranno le nuove elezioni comunali”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, tanti in fila per scegliere il segretario. E a Livorno si vota anche su un autobus

next
Articolo Successivo

Tav, Salvini: “Piena fiducia in Conte, troveremo una soluzione. È un’opera importante che per noi va fatta”

next