Due ciambelle fritte con tanto di dedica a penna sulla busta di carta (“daje Paolo, un po’ di zuccheri“): è il dono inviato dall’ex ministro Carlo Calenda a Paolo Gentiloni, in occasione della giornata delle Primarie del Pd. Calenda, impegnato come scrutatore a piazza del Popolo, a Roma, ha affidato il pacchetto a uno dei fotografi oggi ‎impegnati nella copertura delle operazioni di voto, che lo ha portato a via Goito, nei pressi della Stazione Termini, dove l’ex premier ha votato. “Gli fa bene, ci tengo… io scherzavo, gli faccio portare i cornetti perché gli voglio bene” ha detto Calenda ai fotografi. “Grande… – ha reagito ridendo Gentiloni ricevendo il dono – grazie… ah, ma sta là Carlo? Fa lo scrutatore? Scruta… stupendo. Non le apro perché i politici che ‘magnano’ non vanno bene“. Gentiloni ha affidato i dolci alla moglie che lo accompagnava, “che è più in forma” ha aggiunto con un sorriso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Berlusconi: “Incredibile che ci siano esponenti M5s. Toninelli? Come possiamo permetterci un ministro così?”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, Giachetti: “Spero che l’epoca della guerriglia a chi vince sia finita, altrimenti chiudiamo il partito”

next