“Non ho mai detto che se non vinco me ne vado, io sono fatto di un’altra pasta. Io ho detto che se prevale, democraticamente, una linea che porta all’accordo con M5s, io tolgo il disturbo. Io voglio andare avanti, non sono disponibile a tornare indietro per far rientrare quelli che hanno distrutto il Pd“. Lo ha detto Roberto Giachetti alla manifestazione di chiusura della campagna per le primarie del Pd

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Verona, il Congresso mondiale famiglie ha patrocinio della Presidenza Consiglio. Buffagni (M5s): “Non nel mio nome”

prev
Articolo Successivo

Europee, l’Italia è allineata sul sovranismo. Ai federalisti resta un’ultima speranza

next