Duecentomila persone presenti, 1.200 associazioni che hanno aderito all’appello, 30 gonfaloni che hanno sfilato, 7 carri delle associazioni promotrici che hanno aperto il corteo. Sono alcuni dei numeri dati dagli organizzatori della manifestazione “People-Prima le persone” che sabato 2 marzo ha riempito le strade del centro di Milano. Una manifestazione colorata e variegata che ha visto la partecipazione di italiani, migranti e di tanti rappresentanti delle comunità straniere presenti nel nostro paese. Tutti insieme hanno ribadito una visione del mondo alternativa a quella del governo sul tema dei diritti: “È arrivato il momento di dire che che parte si sta

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, dal controllore in comune al ruolo di Lanzalone: i tasselli che uniscono le inchieste sui conti Ama e sull’affare dello stadio e i progetti di Acea sui rifiuti

next
Articolo Successivo

People, da Gad Lerner alle famiglie, voci dal corteo antirazzista di Milano: “Non siamo qui per fare politica ma per una manifestazione civile con la ‘c’ maiuscola”

next