“Se ho mai pensato di fare il porno attore? Se me lo avesse chiesto qualche anno fa avrei detto di sì. Allora andavo sui set, vedevo tutte quelle ragazze e pensavo che sarebbe stato divertente”. A rivelarlo in un’intervista al settimanale Chi è Leonardo Tano, figlio del divo del porno Rocco Siffredi (all’anagrafe Antonio Tano). 19 anni e un ciuffo biondo un po’ ribelle, Leonardo è seguitissimo sui social network e ora ha deciso di parlare per la prima volta alla stampa, raccontando alcuni particolari della sua vita e del rapporto con il padre.

“La mia passione sono le moto e i motori. Studio ingegneria meccanica, che è molto diversa dal mestiere che fa papà”, ha detto prima di rivelare come ha scoperto assieme al fratello cosa facesse effettivamente il padre. “Ero molto piccolo, un giorno io e mio fratello eravamo nella nostra casa di Budapest mentre i nostri genitori erano all’estero e abbiamo visto un dvd con scritto ‘Tarzan’. Noi, pensando che fosse un cartone animato, l’abbiamo messo nel lettore e abbiamo visto che, invece, era un film dove recitavano mamma (Rosa Caracciolo, ndr) e papà”.

“Fino a qualche anno fa lui era quello che ci faceva giocare, oggi è più ‘mentore’, abbiamo un rapporto adulto. Quando papà deve parlare di sesso con me e mio fratello è molto timido, quasi in imbarazzo – ha rivelato -. Ma, se ci sono amici a cena, comincia a raccontare di tutto, come se non ci fossimo. Quando andavo a scuola tutti sapevano chi fosse mio padre, se qualcuno faceva battute ridevo anche perché, se avessi fatto credere che per me poteva essere un problema, mi avrebbero preso in giro ancora di più”.

Leonardo poi racconta la sua vita sentimentale e rivela di essere innamorato: “Sia io che mio fratello Lorenzo siamo fidanzati con due brave ragazze. Preferisco il sesso fatto con amore, prima di essere fidanzato andavo su Tinder ma non era la stessa cosa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lisa Sheridan, è morta a 44 anni l’attrice di Csi: “Esclusa ipotesi di suicidio”

prev
Articolo Successivo

Nausicaa Della Valle: “Non sono più lesbica grazie a Gesù. L’omosessualità è un peccato come l’omicidio ed è colpa di Satana”

next