Il mondo della musica piange la scomparsa di Mark Hollis, fondatore e frontman della band britannica Talk Talk, famosa per aver sfornato hit degli anni ’80 quali ‘It’s my life’, ‘Life’s What You Make It’ e ‘Such a shame‘. Il cantante aveva 64 anni. A confermare la notizia della morte, dopo il tam tam sui social e sui media d’Oltremanica, è stato l’ex bassista del gruppo, Paul Webb.

“Sono scioccato e rattristato nell’apprendere della scomparsa di Mark Hollis – si legge in un post pubblicato da Webb sui social -. Musicalmente era un genio ed è stato un onore e un privilegio suonare insieme a lui. Non ci vedevamo da anni, ma come molti artisti della nostra generazione sono stato profondamente influenzato dalle sue idee d’avanguardia. Sapeva come creare profondità nel suono come nessun altro. Era uno dei migliori, se non il migliore“.

Nato a Londra il 4 gennaio 1955, Hollis fu il principale autore dei testi dei Talk Talk. A lui si deve l’evoluzione dello stile della band, passata dal New romantic degli esordi a sonorità post-rock. Nel 1998 realizzò il suo primo e unico album da solista, l’eponimo ‘Mark Hollis’. Poi il ritiro dalle scene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gentlemens, sono italiani i migliori eredi del garage-blues americano

prev
Articolo Successivo

Mark Hollis, nove pillole per non dimenticare la voce dei Talk Talk

next