Botta e risposta pepati a suon di siparietti tra l’europarlamentare Alessandra Mussolini (ex Forza Italia) e il giornalista Luca Telese, durante Non è l’arena (La7). Il dibattito è incentrato sul Festival di Sanremo 2019 e sui gusti musicali dei giovani. Mussolini stigmatizza in certi casi il valore non educativo di alcuni contributi e Telese ironizza sui suoi stivali.

“Oh, ma noi donne possiamo fare quello che vogliamo, hai capito?” – ribatte l’europarlamentare – “Non siamo mica al Medioevo o in Arabia Saudita“.
Qualche minuto dopo, mentre Mussolini critica un reality show, Telese scherzosamente rincara: “Non puoi fare la parte della mamma del Moige e venire vestita come Eva Kant“.

“Tu sei maschilista e sessista“, replica Mussolini, che improvvisa una mini-sfilata sexy davanti al giornalista.

“Sì, ma non puoi fare la mamma talebana”, ripete Telese.

“Cosa vuoi? Che mi metta il ‘sinalino’? Il bigodino?”, ribatte l’europarlamentare.

I due si stuzzicano in altri momenti della puntata e il giornalista ironizza nuovamente sull’abbigliamento della sua interlocutrice: “Stasera l’unica cosa rassicurante che hai è la camicia nera. Per il resto, sei pericolosa”.
Mussolini reagisce ridendo, ma i toni tra i due si accendono, quando si discute sulle accuse di satanismo mosse da un esorcista a Virginia Raffaele. Mussolini non prende una posizione netta sul religioso e Telese accusa: “Sei vestita come una dark lady e predichi come una mormona?“.

E Mussolini risponde, piccata: “Ancora? Ma è una ossessione”.

Telese si avvicina all’europarlamentare e lei urla contrariata. Poi ammonisce: “Mi potresti guardare da qua in su?”.

“Lì c’è la camicia nera”, ribadisce il giornalista.

“Ma basta, lo hai già detto” – controbatte Mussolini – “Tu stai male. C’hai una Rolls Royce (riferimento ad Achille Lauro, ndr)? Che te sei preso prima di venire qua?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il gigante dei cieli entra in azione: il BelugaXL compie il primo volo con parte di un altro aereo nel proprio “pancione”

next
Articolo Successivo

Diciotti, Scanzi: “Voto su piattaforma Rousseau? Decisione pilatesca del M5s e prossima al suicidio politico”

next