Botta e risposta pepati a suon di siparietti tra l’europarlamentare Alessandra Mussolini (ex Forza Italia) e il giornalista Luca Telese, durante Non è l’arena (La7). Il dibattito è incentrato sul Festival di Sanremo 2019 e sui gusti musicali dei giovani. Mussolini stigmatizza in certi casi il valore non educativo di alcuni contributi e Telese ironizza sui suoi stivali.

“Oh, ma noi donne possiamo fare quello che vogliamo, hai capito?” – ribatte l’europarlamentare – “Non siamo mica al Medioevo o in Arabia Saudita“.
Qualche minuto dopo, mentre Mussolini critica un reality show, Telese scherzosamente rincara: “Non puoi fare la parte della mamma del Moige e venire vestita come Eva Kant“.

“Tu sei maschilista e sessista“, replica Mussolini, che improvvisa una mini-sfilata sexy davanti al giornalista.

“Sì, ma non puoi fare la mamma talebana”, ripete Telese.

“Cosa vuoi? Che mi metta il ‘sinalino’? Il bigodino?”, ribatte l’europarlamentare.

I due si stuzzicano in altri momenti della puntata e il giornalista ironizza nuovamente sull’abbigliamento della sua interlocutrice: “Stasera l’unica cosa rassicurante che hai è la camicia nera. Per il resto, sei pericolosa”.
Mussolini reagisce ridendo, ma i toni tra i due si accendono, quando si discute sulle accuse di satanismo mosse da un esorcista a Virginia Raffaele. Mussolini non prende una posizione netta sul religioso e Telese accusa: “Sei vestita come una dark lady e predichi come una mormona?“.

E Mussolini risponde, piccata: “Ancora? Ma è una ossessione”.

Telese si avvicina all’europarlamentare e lei urla contrariata. Poi ammonisce: “Mi potresti guardare da qua in su?”.

“Lì c’è la camicia nera”, ribadisce il giornalista.

“Ma basta, lo hai già detto” – controbatte Mussolini – “Tu stai male. C’hai una Rolls Royce (riferimento ad Achille Lauro, ndr)? Che te sei preso prima di venire qua?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il gigante dei cieli entra in azione: il BelugaXL compie il primo volo con parte di un altro aereo nel proprio “pancione”

prev
Articolo Successivo

Diciotti, Scanzi: “Voto su piattaforma Rousseau? Decisione pilatesca del M5s e prossima al suicidio politico”

next