Il mondo del porno è rimasto sconvolto dalla notizia che Nacho Vidal, il Rocco Siffredi spagnolo, ha l’Hiv. Tanto che l’intera industria hard europea si è paralizzata e tutte le produzioni di film porno sono state messe in pausa per un mese. Tutti gli attori porno, anche quelli che non hanno lavorato direttamente con lui, dovranno infatti sottoporsi ad accertamenti e test medici per verificare se ci sia stato un contagio. La notizia è stata rilanciata dal quotidiano catalano El Nacional che ha avuto conferme da numerose fonti interne: Vidal ha scoperto di essere sieropositivo in una delle migliori cliniche di Barcellona e tutte le attrici che hanno girato film con lui di recente sarebbero state informate.

Vidal, proprio come l’amico Siffredi, ha partecipato anche a numerose trasmissioni televisive destinate al grande pubblico, a cominciare da Supervivientes, edizione latina dell’Isola dei famosi. Nell’industria del porno europea i preservativi sono banditi, perché gli spettatori non vogliono vedere rapporti protetti. Per questo la notizia è ancora più scioccante: la malattia di un attore così famoso mette a rischio a catena centinaia di persone. Nacho Vidal è stato lanciato da Rocco Siffredi nel 1998. Nel 2017 con una lettera commovente raccontò ai suoi fan il suo amore per la figlia trans. Ha anche partecipato all’Isola dei Famosi spagnola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Valentino, la sessuologa: “Le coppie veramente innamorate non lo festeggiano”

next
Articolo Successivo

Smalti, deodoranti e cosmetici: perché le bambine sviluppano più precocemente

next