Negli ultimi anni le nuove generazioni si ritrovano a vivere la fase puberale sempre più precocemente. Questa pubertà anticipata sembrerebbe essere collegata alla presenza nell’ambiente, di componenti dannose per il sistema endocrino, contenute in particolar modo nei prodotti di cura quotidiana e igiene personale (deodoranti, cosmetici, smalto per unghie ecc…). Gli agenti in questione sono gli ftalati, i parabeni e i fenoli.

Per capire meglio: gli ftalati sono dei composti derivati dal petrolio, più comunemente usati nella sintesi della plastica; i parabeni, invece, vengono utilizzati in particolare nella fabbricazione di cosmetici, grazie alle loro proprietà conservanti e protettive da muffe, batteri e funghi. Anche nei saponi comuni e nel dentifricio è possibile trovare il fenolo triclosan, un composto a costituzione battericida.

Nonostante la notizia allarmante della Food and Drugs Administration (FDA) già nel 2010, sulla pericolosità di tali sostanze per l’uomo, l’ente governativo statunitense, nel 2014 ha finito col ridimensionare l’allarme, sottolineandone la nocività solamente in presenza di quantità rilevante. Tuttavia alcuni studi del 2014 hanno ribadito che esistono specifici periodi nell’arco di vita degli esseri umani in cui si è particolarmente sensibili a questa esposizione. Se una donna in gravidanza è esposta a tali sostanze, soprattutto durante il terzo trimestre di gestazione, potrebbe rischiare la compromissione della futura maturazione sessuale della progenie femminile e provocare la precoce comparsa del menarca (prima mestruazione) con lo sviluppo dei peli pubici e dei seni molto anticipato.

Al di là della questione estetica, questa situazione può diventare allarmante a causa della nocività di tali componenti per il sistema endocrino. Infatti, l’entrata precoce delle ragazze in pubertà è associata ad una più alta possibilità di mettere in atto comportamenti a rischio, di sviluppare problemi di salute mentale e tumori al seno e alle ovaie.

Numerose ricerche scientifiche hanno studiato il collegamento fra precocità e aumento dei rischi. Nelle bambine l’arrivo della pubertà è correlato all’inizio della fertilità e all’aumento della curiosità e del desiderio sessuale, pertanto più questo sarà precoce più la loro struttura cerebrale sarà impreparata a gestire la complessità di questo nuovo scenario. Alla sempre maggiore precocità della pubertà femminile, infatti, non corrisponde una simile anticipazione delle tappe fondamentali dello sviluppo cognitivo. In modo particolare non si registra una simile anticipazione del pensiero ipotetico deduttivo, tappa fondamentale dello sviluppo adolescenziale e che permette di prevedere le possibili conseguenze delle proprie azioni prima che si verifichino ed è quindi di primaria importanza nella valutazione dei rischi e nell’assumersi la responsabilità di decisioni importanti nell’ambito della sfera sessuale e non solo.

Nonostante manchi una certezza assoluta che confermi la relazione causale fra esposizione a ftalati, fenoli e parabeni in gravidanza e in età puberale e danneggiamento del sistema endocrino, nell’essere umano, è importante sensibilizzare le donne in gravidanza affinché riducano il più possibile l’esposizione a tali sostanze.

Ringrazio per la collaborazione la dr.ssa Martina di Juvalta

Riferimenti bibliografici

“Association of phthalates, parabens and phenols found in personal care products with pubertal timing in girls and boy” K.G. Harley, K.P. Berger, K. Kogut, K. Parra, R.H. Lustig, L.C. Greenspan, A.M. Calafat, X. Ye, and B. Eskenazi. Human Reproduction pp. 1-9, 2018.

“In utero and peripubertal exposure to phtalates and BPA in relation to female sexual meturation” D.J. Watkins, M.M. Téllez-Rojo, K.K. Ferguson, J.M. Lee, M. Solano-Gonzalez, C. Blank-Goldenberg, K.E. Peterson, and J.D. Meeker. National Institutes of Health, Environ Res. 2014

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nacho Vidal, il Rocco Siffredi spagnolo ha l’Hiv: l’industria hard si ferma per un mese

prev
Articolo Successivo

8 marzo, le donne devono ancora vivere una reale rivoluzione sessuale

next